Rose Antiche e ambiente incontaminato

le rose antiche

Da dove vengono le rose antiche dei nostri cosmetici?

Da una piccola valle dell’appennino ligure circondata dalle montagne, ricca di sole e di acque sorgive.

Perché il luogo di coltivazione è cosi importante? Perché le sostanze inquinanti possono essere portate dal vento o arrivare attraverso le falde acquifere rendendo inutili gli sforzi per mantenere la coltivazione entro i parametri richiesti dal biologico.

Ma nella nostra piccola valle a 700mt di altitudine tutto questo non succede.

L’aspra conformazione morfologica ha reso impossibile l’applicazione dell’agricoltura intensiva e la conseguente applicazione dei trattamenti chimici per cui il terreno non ha mai subito contaminazioni.

Il piccolo borgo che sorge al centro della valle, Pietrafraccia, ospita meno di 100 abitanti e la nostra famiglia vive lì fin dal 1636.

Negli orti e nei giardini del piccolo borgo, da secoli viene coltivata una varietà di rose molto profumata e dal colore rosa intenso che veniva utilizzata a scopo alimentare per la produzione di sciroppi e gelatine.

L’utilizzo della rosa nella tradizione dolciaria genovese è molto antica e ci sono testimonianze che ci riportano al 1300.

All’avvio della nostra azienda agricola, nella scelta di quale coltivazione impiantare, la tradizione ha dato un contributo importante e abbiamo scelto le rose perché fanno già parte dell’ecosistema da secoli.

Il nostro metodo di coltivazione, infatti, utilizza le stesse tecniche che si sono tramandate da secoli e che si basano sulle sinergie che si attivano tra le piante e sulle proprietà delle erbe officinali.

Non utilizziamo nessun tipo di trattamento chimico.

La raccolta e la lavorazione dei fiori sona fatte esclusivamente a mano per non danneggiare i petali delicati e conservare intatte le loro straordinarie proprietà.

La nostra sensibilità etica inoltre ci porta ad un totale rispetto dell’ambiente e dei suoi abitanti.

Le nostre rose crescono in mezzo alle erbe selvatiche per mantenere inalterata la preziosa e ricca biodiversità del luogo.

Molti dei nostri alberi da frutta, alcuni dei quali quasi centenari, non sono recintati in modo che gli animali selvatici come daini, cerbiatti, cinghiali, volpi e tassi possano continuare a cibarsi dei frutti che cadono a terra. Quando raccogliamo i frutti autunnali nei boschi, ne lasciamo sempre una parte perché sappiamo che costituiscono la riserva alimentare invernale della fauna selvatica.

Visita la nostra Farm www.jbrosefarm.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.